Senza parole

Era da diversi mesi che, dopo una lunga trafila seguita in prima persona presso una delle tante sedi dell’INPS sparse per il Bel Paese, aspettavo il legittimo rimborso per l’adeguamento della pensione di reversibilità  della mia genitrice. Dopo tanta fatica, attesa e conti (presumo) fatti con il pallottoliere, la pratica è finalmente giunta a destinazione e ieri l’altro, tutto si è risolto che-non-volevo-crederci-a-quanto-fosse-bello-terminare-la-trafila.
Peccato, però, che abbiano deciso arbitrariamente che il destinatario del suddetto rimborso dovesse essere la persona già  deceduta (da alcuni anni).
A questo punto desidero dire, con estrema pacatezza e senza problemi, anche attraverso queste pagine, a quei personaggi nullafacenti con i quali ho avuto a che fare: siete delle sovrane teste di cazzo!

technorati tags: ,

8 pensieri riguardo “Senza parole

  1. >Patty la mia inquietudine nasce dal fatto che sembra che lo facciano apposta… maledetti!

    >chit e il cane ce l’abbiamo già? 😀

    >titty io non mi stupisco di nulla.
    Mi incazzo soltanto, perché mi pare che mi abbiano preso sufficientemente per i fondelli.

    >Dblk non accodarti, stare in fila è deleterio. 😀

    >Alex me lo sto chiedendo ancora.
    Lasciamo stare lo staff altrimenti litigo con l’on. Paolo Russo. 🙂

  2. Io non capisco come sia possibile un errore del genere. Altrimenti che “pensione di reversibilità” sarebbe? Mah….

    Ok per il 5 maggio. Quasi quasi ti metto nello staff 😉

  3. ma di cosa ti stupisci… siamo in italia…!!!! forse i tempi si accorciavano se parlavi con qualcuno che conoscevi all’inps… come in tutte le cose…!!!

  4. Piena e totale solidarietà da uno che dal 1992 ha giurato di non avere più a che fare con questi “enti” o “entità” che dir si voglia!
    Piuttosto che perdere la salute rimpallato da un ufficio all’altro divento punkabbbestia

    Un saluto e buona giornata

  5. ma l’adeguamento non è automatico??? a me sembra di si, perchè ogni tanto vedo che aumenta di poco ma aumenta, io sono stata fortunata (si fa per dire) perchè quando andai all’inps trovai una signora molto gentile, non so se si sia commossa del fatto che ero così giovane e con tre figli, ha fatto tutto lei e dopo nemmeno un mese dalla morte di Tonino mi è arrivata la pensione di reversibilità. L’unica cosa che mi manda in bestia è pagare poi un’accidente di tasse quando faccio la dichiarazione dei redditi, mi dicono per via del cumulo con il mio stipendio, e pensare che quando lui era vivo e facevamo due distinti dichiarazioni a volte avevamo anche diritto al rimborso dell’irpef… (tutti e due a stipendio fisso)
    vabbè non mi lamento troppo che c’è chi manco puà contare su questa entrata in più
    paolino non ti arrabbiare che la burocrazie è ottusa!!!! lo sanno tutti

I commenti sono chiusi