Piedi puliti

Mi sono sempre chiesto da dove nascesse questa storia della lavanda dei piedi alla quale stasera alcuni baldi giovani si sottoporranno in pompa magna (quanto contenti e consensienti fino in fondo non saprei, occhio al bacio del prete).
Ecco, dopo un’attenta analisi delle versioni dei magnifici quattro, ho individuato la fonte.
Dei quattro evangelisti – e questa è stata la sorpresa, almeno per me – solo Giovanni (13, 2) ne fa menzione:

Durante la cena, […] Gesù, […] depose le sue vesti e, preso un asciugatoio, se lo cinse. Poi mise dell’acqua in una bacinella, e cominciò a lavare i piedi ai discepoli, e ad asciugarli con l’asciugatoio del quale era cinto.

Successivamente Pietro si oppone, come sono soliti fare i bambini, a fare il bagnetto ma il Maestro lo mette subito in riga. Ma questa è un’altra storia.

technorati tags: , ,

Temo di dover passare da MW

Sono tempi di passione, questi, soprattutto per la tecnologia (poca) presente a casa. La mia. In questo ultimo periodo funziona tutto in maniera approssimativa.
Il televisore, per esempio, all’accensione preferisce farmi vedere, prima delle scontate immagini, un po’ di righe nere, qua e là , cosà, per riscaldarsi un po’; credo lo faccia per una lenta forma di autospegnimento indotto dalla vecchiaia (ha un po’ di anni sul tubo catodico).
Il lettore CD, dal canto suo, salta baldanzoso ad ogni brano e ormai credo che sia solo da buttare; e per ultimo c’è il telefono.
Da ieri sera l’azienda fornitrice del servizio, che spero presto passi in mani straniere – tanto, peggio di cosà… -, ha deciso di colpo di far morire la linea senza alcun preavviso (perchè farlo?).
Sono tempi di passione, questi.

technorati tags: ,