Prima passano dal meccanico

Oggi a pranzo, durante il tg regionale (Rai3), si parlava di una scuola e della violenza causata da alcuni dei suoi allievi più vivaci. All’interno del servizio, la voce del giornalista (fuori campo), riprendendo le dichiarazioni del preside dell’istituto, ha detto:

“Queste bullonate non sono tollerabili”.

Bullonate?

technorati tags: ,

8 pensieri riguardo “Prima passano dal meccanico

  1. sigh commentai stamane dall’ufficio mi si impallà il pc e non mi fece più rientrare, era anche un commentino spiritosino
    sigh
    ora non vale più

    le bullunate son delle suooreeeeeee…
    o
    le bullonate sono delle bulle in sovrappeso
    o
    voce del verbo bullonare
    io non bullono
    tu non bulloni
    egli bullona
    noi non bulloniamo
    voi bullonate
    essi bullonano

    of course

  2. >Ed me lo ricordo quando accadde (adesso egli siede in parlamento, vero?), ne son passati di bulloni sotto ai ponti… 🙂

    >Alex quando fanno così, come ho scritto nella tag, io vorrei abbracciarli. 😀

    >puntoeacapo no, nessun distinguo solo un po’ di ilarità nei confronti di chi, talvolta, litiga con l’italiano, pur parlando da un tg (sebbene regionale). Per il resto, io, anche quello che voleva dire quel preside non l’ho mica capito.

    >chit ho riso parecchio per quella frase. 😀

  3. Questo almeno ci ha messo (involontariamente) dell’ironia… per il resto i “giornalisti” italiani ormai… lasciamo perdere…

  4. Fatemi capire? Si cerca di fare un distinguo tra ragazzate e bullonate?
    La ragazzata è tollerabile, la bullonata no! oppure tra cazzate e bullonate, non capisco?
    Mi diceva Judith che aveva sentito anche di macchine di insegnanti date a fuoco, se lo facessero a Lei non vorrei essere nei panni dei bulloni…che farebbero la fine delle rondelle.

  5. Evidentemente erano bulli grandi, o bulloni che dir si voglia..
    Beh dai, non si puà dire che non abbia avuto fantasia 😉

  6. Eh caro Paolino, i bulloni tempo fa finivano sui denti di D’Antoni, ora sono cresciuti e vanno a scuola.

I commenti sono chiusi