Ero piegato e mi sono rialzato

E’ arrivata. La lettera dello zio Silvio è giunta anche a me. L’ho aperta subito, nemmeno il tempo di rientrare in casa. Avevo impazienza di rileggerlo, lo zio, sempre affettuoso. Lui, quando scrive, ultilizza quell’incipit che riempe di giubilo il cuore di chiunque. Per me, poi, la soddisfazione è stata doppia: non conosce il mio nome, ma mi ha dato subito del tu.

Cara dalianera, ha su scritto.

technorati tags:

6 pensieri riguardo “Ero piegato e mi sono rialzato

  1. Pare che sia stato contagioso, il virus: per Luca e Malvino, uguale trattamento.

    >elisewinfox quindi, anziché convincerti di votarlo, gli metterai una x contro? Ma questo non sta bene, non si fa. 😀

    >Alex l’idea non la cambio, anch’io per quest’anno rimango ben saldo nel partito astensionista.

    >zefirina stiamo combinati male, stiamo, pure orbo mi è diventato, il Uòlter.

  2. a me ualter ha dato del lei e mi ha trattata da pensionata, forse non ha visto bene il mio certificato di nascita che ne ho solo 51 e non 61, mio fratello è stato più “fortunato” gli ha scritto Alemanno e gli ha dato del tu,
    so tempi difficili

  3. No no, resto astensionista. Ma poi sai, io uso un trucco: il domicilio diverso dalla residenza 🙂

  4. ahahahah…. “cara Dalianera” 😀
    Anche a me è arrivata, ma indirizzata al mio nome vero…
    Sarà per questo che l’ho trovata irritante e da brava astensionista che ero, mi ha fatto venir voglia di andare a votare…contro!

I commenti sono chiusi