Mare Mostrum

Giorni fa col mio nuovo coinquilino discutevo delle immersioni marine. Il discorso era nato dalla sua enorme passione per le escursioni sott’acqua, fatte fin da ragazzo, e da quella volta in cui rischiò grosso. A causa di un’improvvisa ebbrezza da profondità, a più di 40 metri sotto il livello del mare, ha visto di fronte agli occhi la sua monna morte avvicinarsi spedita alla muta subacquea.

Alcuni giorni più tardi, mio fratello mi ha raccontato della scomparsa di un suo amico: nonostante la lunga esperienza da sub, durante un’esercitazione è rimasto sott’acqua troppo a lungo senza mai più riemergere.

Oggi, invece, ho letto della tragica fine del bravo pianista svedese Esbjörn Svensson, morto anche lui, a causa della stessa passione fatale (via).

Per quest’estate direi che è meglio cambiare idea.

technorati tags: ,

2 pensieri riguardo “Mare Mostrum

  1. Mai e poi mai affiderò la mia vita ad un erogatore! Mi piace il rischio, mi piace il brivido, ma mi piace soprattutto l’idea di avere un minimo di “discrezionalità” nel gestirlo 😉

I commenti sono chiusi