Il commesso viaggiatore

Inizia questo lunedì il mio lungo, faticoso e personale tour della Campania Felix. Parto per uno stravagante viaggio che mi vedrà, per alcune settimane, in diversi luoghi delle cinque province della Regione che mi ha dato i natali. Un’avventura lavorativa che mi porterà a riscoprire uno dei territori più martoriati del nostro Paese.

Per quest’oggi sono a:

Sant’Angelo dei Lombardi (Avellino),
Sant’Agata dei Goti (Benevento).

Domani, invece, trascorrerò del tempo a:

Sala Consilina (Salerno),
Castellammare di Stabia (Napoli),
Sessa Aurunca (Caserta).

Quindi, nei prossimi giorni, sarò a:

Nocera Inferiore (Salerno),
Aversa (Caserta),
Nola (Napoli).

Solo alla conclusione del suddetto giro raggiungerò i capoluoghi di provincia, a meno di stravolgimenti di tappa, nel seguente rigido ordine:

Salerno,
Avellino,
Benevento,
Caserta,

e dulcis in fundo:

Napoli.

Cosa abbiano in comune i suddetti luoghi e perché io debba trascorrere la maggior parte del mio tempo lavorativo presso i loro centri, è difficile da spiegare. Posso dirvi che è per via di un nuovo lavoro. Dopo aver conosciuto gli attori in gioco, considerata la Regione in oggetto, mi son detto: qui ci sarà da soffrire.

technorati tags: , ,

4 pensieri riguardo “Il commesso viaggiatore

  1. Domani finisco il mio tour campano, è stata dura ma alla fine sono rimasto (quasi) illeso: credo di non aver scatenato molti danni.

    Grazie per il supporto.

  2. Alcune città che hai elencato mi mettono ancora tristezza (per via del terremoto) ma mi ricordano anche quando c’ero stato tantissimi anni fa a mangiare la soppressata a Teggiano, per dire.
    Buona settimana, comunque.

I commenti sono chiusi