Tanto tuonò che piovve

E alla fine l’infortunio è arrivato. Distrazione della caviglia sinistra. Molto bene. Andavo dicendo, in giro, un po’ per scaramanzia, un po’ per battuta:

Ad Aprile 2018, a Londra, anche zoppo ci vado.

Ed ecco che l’imponderabile accade. Il lunedì di Pasqua. A pochi giorni dal raggiungimento dell’obiettivo tanto agognato, quello di completare il circuito delle 6 World Marathon Majors, il folle si azzoppa. Per giunta da solo. Sì, è vero: correre sul basolato è quanto di più complicato ci possa essere, ma cavoli, quando corri vuoi vedere bene dove metti i piedi, o no? mi hanno detto in tanti. Vi ringrazio di cuore, siete dei veri amici.

A 6 giorni dalla maratona di Londra, e dopo 13 giorni di fermo assoluto, ho provato a percorrere, quest’oggi, una decina di km. I postumi dell’infortunio alla caviglia mi son sembrati sufficientemente sotto controllo. Che dire… non ci speravo per nulla. Ero finanche demotivato per questa trasferta. Adesso, però, dopo il piccolo test di 11 km di stamani, cresce la speranza di giungere al traguardo londinese. Comunque e ad ogni costo. E saranno 33.

Let’s go to London City, brothers and sisters.

33) 22.04.2018 – London (GBR) XXXVIII London Marathon

Dal sito ufficiale, poi, si legge che:

Her Majesty The Queen will be the official starter for the 2018 London Marathon

Vuoi mettere…

link:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *